Federazione Ciclistica Italiana (FCI)

La Federazione Ciclistica Italiana (F.C.I.) riunisce, sotto un unico ente, società sportive a lei affiliate che praticano il ciclismo, in tutte le sue specialità e categorie (professionisti, dilettanti, juniores, allievi, esordienti, amatori e diversamente abili), in Italia; ha natura di associazione con personalità giuridica di diritto privato ed è elencata nella legge 16.2.1942, n. 426.

La F.C.I. provvede allo sviluppo, alla promozione, all’organizzazione, alla disciplina e alla tutela del ciclismo, su tutto il territorio nazionale, in tutte le sue forme e manifestazioni, nonché la formazione di atleti e tecnici. Mantiene il rapporto di fiducia con tutti i soggetti che contribuiscono al raggiungimento delle sue finalità ed intende operare nel pieno rispetto della legge e dei principi di chiarezza e trasparenza e prevenire il rischio di comportamenti non etici nella pratica sportiva.

La F.C.I. è affiliata all’UCI, quale unica rappresentante del movimento ciclistico italiano e svolge la propria attività in osservanza alla deliberazioni e agli indirizzi del CIO, della Federazione internazionale e del C.O.N.I..